INFORMATIVA

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione - senza modificare le impostazioni del browser - accetti di ricevere i cookie. Se non desideri ricevere i cookie, modifica le impostazioni del tuo browser, ma sappi che alcuni servizi non funzioneranno correttamente. Per saperne di piu'

OK

Cookie

Informativa e acquisizcione del consenso per l’uso dei cookie sul portale web http://pcnitalia.mise.gov.it ai sensi del Provvedimento n. 229 dell’8 maggio 2014 del Garante per la protezione dei dati personali.

 

Cosa sono i cookie?

 

Di seguito la definizione contenuta nel punto 1 della premessa al Provvedimento del Garante di cui sopra:

 

Considerazioni preliminari.I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente.

Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.

Cookie tecnici. I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice).

 

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l’obbligo di dare l’informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice, che il gestore del sito potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

 

I cookie servono a migliorare i servizi che ti offriamo, ad esempio:

consentono a un servizio di riconoscere il tuo dispositivo, per evitarti di inserire più volte le stesse informazioni nel corso di un'attività

calcolano quanti utenti stanno usando i servizi, in modo da agevolarne l'utilizzo e assicurare la capacità necessaria a una navigazione veloce.

 

Se non ci autorizzi a usare i cookie, determinate funzioni e pagine non possono funzionare come previsto.

Se desideri eliminare i file cookie eventualmente già presenti sul tuo computer, leggi le istruzioni del tuo browser cliccando sulla voce “Aiuto” del relativo menu.

Cosa vuol dire

Le Linee Guida OCSE sono l’unico corpo di principi e norme internazionali, in materia di responsabilità sociale d’impresa, che prevede un meccanismo di composizione delle controversie, il cosiddetto meccanismo delle “istanze”.

La controversia può insorgere tra un’impresa e i suoi stekeholders, ossia tutti i portatori di interesse rispetto alle attività dell’azienda, quali ad esempio: altre imprese, lavoratori, consumatori, cittadini.

Quando uno stakeholder ritenga che un’impresa abbia adottato un comportamento difforme rispetto ai principi e alle raccomandazioni enunciati dalle Linee Guida, può rivolgere una istanza al PCN. 

Il PCN italiano interviene quando la controversia riguarda fatti che sono accaduti nel territorio italiano o commessi da un’impresa italiana operante all’estero. 

Il PCN attraverso una valutazione preliminare decide se l’istanza presentata è ammissibile, cioè se le questioni sollevate meritano di essere approfondite.

In caso affermativo, il PCN procede alla gestione dell’istanza aprendo l’istruttoria, nel corso della quale raccoglie tutti gli elementi necessari per la comprensione del caso.

Nel corso dell’intera procedura il PCN media tra le parti, perché raggiungano un accordo. A tal fine adotta tutte le azioni utili a favorirne il dialogo e la composizione degli interessi.

La procedura si conclude entro 12 mesi dall’avvio dell’istruttoria, salvo proroga motivata.

Alla conclusione della procedura e dopo essersi consultato con le parti interessate, il PCN rende pubblici gli esiti delle procedure, tenendo conto dell’esigenza di tutelare le informazioni sensibili, di carattere commerciale e non, delle imprese e delle altre parti coinvolte, emettendo: 

  • una dichiarazione, se  l'istanza risulta non ammissibile, in cui spiega le ragioni di questa conclusione;
  • un rapporto, se le parti raggiungono un accordo, che riassume le questioni sollevate e i passi compiuti dal PCN per assistere le parti, informa del raggiunto accordo e ne descrive i contenuti nella misura in cui le parti interessate vi acconsentono;
  • una dichiarazione, ove non venga raggiunto alcun accordo od una delle parti non sia disponibile a partecipare alle procedure; vi si descrivono le questioni sollevate, i motivi per cui il PCN le ha ritenute meritevoli di approfondimento, i passi compiuti dal PCN per assistere le parti ed eventualmente, le raccomandazioni rivolte dal PCN alle parti per l’attuazione delle Linee Guida 

 

Trasparenza e riservatezza

La trasparenza è un principio generale di comportamento del PCN nei rapporti con il pubblico. Tuttavia, esistono circostanze particolari nelle quali la riservatezza va tutelata. 

il PCN adotta misure adeguate per proteggere le informazioni sensibili delle imprese. 

Del pari, altre informazioni, quali l’identità degli individui coinvolti nel procedimento, restano riservate.

Nel corso delle procedure, viene mantenuto il carattere di riservatezza dei lavori, ivi inclusi i fatti e gli argomenti dedotti dalle parti. Tuttavia il loro esito è, di norma, trasparente.