INFORMATIVA

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione - senza modificare le impostazioni del browser - accetti di ricevere i cookie. Se non desideri ricevere i cookie, modifica le impostazioni del tuo browser, ma sappi che alcuni servizi non funzioneranno correttamente. Per saperne di piu'

OK

Cookie

Informativa e acquisizcione del consenso per l’uso dei cookie sul portale web http://pcnitalia.mise.gov.it ai sensi del Provvedimento n. 229 dell’8 maggio 2014 del Garante per la protezione dei dati personali.

 

Cosa sono i cookie?

 

Di seguito la definizione contenuta nel punto 1 della premessa al Provvedimento del Garante di cui sopra:

 

Considerazioni preliminari.I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente.

Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.

Cookie tecnici. I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice).

 

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l’obbligo di dare l’informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice, che il gestore del sito potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

 

I cookie servono a migliorare i servizi che ti offriamo, ad esempio:

consentono a un servizio di riconoscere il tuo dispositivo, per evitarti di inserire più volte le stesse informazioni nel corso di un'attività

calcolano quanti utenti stanno usando i servizi, in modo da agevolarne l'utilizzo e assicurare la capacità necessaria a una navigazione veloce.

 

Se non ci autorizzi a usare i cookie, determinate funzioni e pagine non possono funzionare come previsto.

Se desideri eliminare i file cookie eventualmente già presenti sul tuo computer, leggi le istruzioni del tuo browser cliccando sulla voce “Aiuto” del relativo menu.

PIANO D'AZIONE NAZIONALE SULLA CSR

action  

 

Cos’è il Piano d'Azione nazionale sulla CSR

Il Piano d’Azione nazionale sulla responsabilità sociale d’impresa 2012-2014 è il documento presentato dal governo italiano, come da ciascun governo della UE, su proposta della Commissione per illustrare le azioni prioritarie e i progetti su cui intende far leva per la realizzazione della “Strategia rinnovata dell’UE per il periodo 2011-2014 in materia di responsabilità sociale delle imprese” .  

 Perché un Piano d’Azione nazionale

La Commissione, sollecitata dal Parlamento europeo e dal Consiglio, ha rilanciato il tema della responsabilità sociale delle imprese, inserito nelle politiche europee sin da Libro verde del 2001  e, poi, sviluppato con la Comunicazione del 2006 .

La rinnovata strategia europea parte dalle indicazioni in materia di RSI contenute in Europa 2020, nell’Iniziativa faro per la politica industriale e nell’Atto unico per il mercato interno, e mira a creare le condizioni favorevoli per una crescita sostenibile, un comportamento responsabile delle imprese e una creazione di occupazione durevole nel medio e lungo termine . 

La Commissione ha, quindi, invitato gli Stati Membri a sviluppare (o aggiornare) entro la metà del 2012 i propri progetti o liste di azioni prioritarie n materia, facendo riferimento ai principi e agli orientamenti riconosciuti a livello internazionale (ivi incluse le Linee guida OCSE) e in collaborazione con le imprese e le altre parti interessate.

 Linee di azione della strategia europea 2011-2014 in materia di RSI

La Commissione dopo aver proposto una nuova definizione di RSI come "responsabilità delle imprese per il loro impatto sulla società", invita le imprese a mettere in atto un processo per integrare le questioni sociali, ambientali, etiche, i diritti umani e le sollecitazioni dei consumatori nelle loro operazioni commerciali e nella loro strategia di base, in stretta collaborazione con i rispettivi interlocutori.

A tal fine, essa propone all’Unione ed agli Stati Membri, per il periodo 2011-2014, sette linee di azione: 

  • promozione della visibilità della RSI e diffusione delle buone pratiche; 
  • miglioramento e monitoraggio dei livelli di fiducia nelle imprese;
  • miglioramento dei processi di autoregolamentazione e co-regolamentazione; 
  • aumento del "premio di mercato" per la RSI; 
  • migliore divulgazione da parte delle imprese delle informazioni sociali e ambientali;
  • ulteriore integrazione della RSI nell'ambito dell'istruzione, della formazione e della ricerca; accentuazione dell'importanza delle politiche nazionali e subnazionali in materia di RSI; 
  • migliore allineamento degli approcci europei e globali alla RSI.